You are currently browsing the category archive for the ‘torte’ category.

Domani invito un altro amico a cena, oramai ho capito che sono una persona facilmente “stressabile” in fatto di cene, ma il trucco per aggirare lo stress è andare di una cavia alla volta. Sono contenta di aver trovato un trucco, perchè preparare una cena, dal pensarla al metterla in atto è un’altra di quelle cose che mi fa felice ed è uno scopo! E un trucco, per vivere bene, è darsi degli scopi.
Tornando all’argomento cena, il panico mi è preso arrivata al dolce, sapevo cosa volevo replicare (ogni tanto anche io mi ripeto), ma non sapevo dov’era la ricetta e sul blog non ve n’era traccia. Non potevo averla persa, come si può perdere la ricetta di quello che si viene a piazzare al secondo posto come il dolce “più buono del mondo”, dopo quella pere e cioccolato (no, non ho pubblicato nemmeno questa, ops, un problema alla volta)?!? E infatti sarò anche sbadata, ma non così sconsiderata e dopo aver cercato dovunque, giaceva nell’archivio dei siti preferiti! Particolarmente apprezzabile perchè senza burro o latte! Enjoy it!

INGREDIENTI

– 5 pesche gialle mature e sode
– 3 uova
– 150 g di zucchero
– 100 g di farina
– 100 g di amaretti
– 1  bustina di lievito
– un pizzico di sale
– 80 g di nocciole

RICETTA
– Lavare le pesche, sbucciarle e privarle e tagliarle ciascuna in 8 spicchi. Nel mixer ridurre in polvere gli amaretti; tritare le mandorle per formare una granella.
– Montare gli albumi a neve ben ferma con un pizzico di sale. Montare i tuorli con lo zucchero finché saranno chiari e spumosi; aggiungere la farina setacciata con il lievito, quindi gli amaretti, amalgamando bene il composto (l’impasto a questo punto risulterà piuttosto duro: lavorarlo energicamente con un cucchiaio, una volta aggiunti gli albumi sarà perfetto). Incorporare delicatamente gli albumi, mescolando con un cucchiaio dal basso verso l’alto.
– Versare l’impasto in una tortiera rivestita di carta forno e livellarlo bene (deve ricoprire tutto il fondo, formando uno strato abbastanza sottile). Inserite gli spicchi di pesca a raggiera nell’impasto, facendoli sprofondare leggermente. Distribuite uniformemente la granella di nocciole sulla superficie.
– Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 50-55 minuti, poi lasciare la torta per 5 minuti nel forno spento semiaperto, in modo che asciughi bene. Fare la prova stecchino, sfornare e lasciare raffreddare.

torta pesche e amaretti2

torta pesche e amaretti

La ricetta, miracolosamente, l’ho trovati qui! Grazie a Elena!

Oggi è proprio una di quelle giornate che mi fanno amare l’autunno, la perfezione sarebbe un tè, una chiacchiera e una fetta di questo dolce appena sfornato…

INGREDIENTI

-100 di polpa di mele
– 115 gr di zucchero
– 1/2 lt di acqua
– 200 gr di farina
– 100 gr di burro
– 1 mela e 1/2
– 1 uovo
– 1 cucchiaio di zucchero
– 1/2 bustina di lievito
– 2 chiodi di garofano
– 1 cucchiaino di cannella
– 1 pizzico di sale
– la scorza di mezz’arancia
– 2 cucchiai di acqua di fiori d’arancio

RICETTA

– Cuocere la polpa di mele con l’acqua e 40 gr di  zucchero, a fuoco lento, per 20 minuti.
– Montare i tuorli con il restante zucchero, le spezie,. Unire la farina e il lievito, la polpa di mele, il burro fuso, gli albumi montati a neve e il sale. Da ultimo l’acqua di fiori d’arancio e la scorza.
–  Versare il composto in uno stampo da plumcake, imburrato e infarinato e distribuirvi le fettine di mela in verticale (rispetto alla foto consiglio di distanziare le fettine, per evitare che rimanga cruda al centro). Spolverare con lo zucchero.
– Passare in forno a 180° per 40 minuti.

Ottima a colazione!

Ogni tanto ci vuole un piccolo morso di paradiso no? Qualcosa di soffice, dolce e un po’ cioccolattoso per coccolarsi un po’ e ta daaan:

 

INGREDIENTI

– 125 gr di farina 00
– 250 gr di zucchero
– 10 albumi a temperatura ambiente [io li prendo in bottiglia, considerate che l’equivalente è 400 gr]
– 1 cucchiaino di cremor tartaro [buona caccia, non so proprio dove si trovi, io ne ho fatto a meno]
– 1/2 cucchiaino di essenza di vaniglia
Per la copertura:

– 250 gr di cioccolato fondente a pezzetti
– 185 ml di panna
– 50 gr di burro a pezzetti

 

RICETTA

– Preriscaldare il forno a 180°C. Setacciare la farina e 125 gr di zucchero in una ciotola. A parte montare gli albumi, il cremor e un pizzico di sale. Unire lentamente lo zucchero rimasto e sbattere fino a ottenere un composto denso e lucido. Infine aggiungere l’essenza di vaniglia.
– Setacciare metà della miscela di farina sulla meringa, amalgamare e ripetere con quella rimanente. Distribuire il composto nello stampo (non unto, sennò la torta non lievita, misteri, fidiamoci della ricetta, mai capite le sacre leggi della chimica) e infornare per 45 min ca. Staccare la torta dai bordi con una spatola e sfornarla su un piatto, lasciandola raffreddare.
– La copertura: mettere in una casseruola il cioccolato, la panna e il burro. Stendere il cioccolato sulla torta con l’aiuto di una spatola e servire.

 

 

Questa ricorda quest’altra (CLICK), ma solo in apparenza, perchè la pasta della torta è molto più burrosa e pastafrollosa! La ricetta originale è con le fragole, però mai che si trovi quello che si cerca e in ogni caso non è nemmeno la stagione!INGREDIENTI

  • 2 fogli di pastafrolla
  • 500 gr. di lamponi
  • 600 gr. di mele stark
  • 150 gr. di zucchero
  • un cucchiaio di zucchero di canna
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 limone non trattato
  • 1 cucchiaio di farina tipo OO
  • 4 biscotti secchi

RICETTA

  • Lavare e asciugare il limone e grattugiare la buccia. Sbucciare le mele, privarle del torsolo e ridurle a cubetti. Lavare i lamponi e asciugarli bene su un foglio di carta assorbente.
  • Riunire in una terrina la buccia di limone, lo zucchero, la farina e la vanillina. Mescolare e dividere in due parti, una per le mele e una per i lamponi.
  • Scaldare il forno a 180°, imburrare e infarinare uno stampo a cerniera [più piccolo è, più alta verrà, fate voi]).
  • Tritare grossolanamente i biscotti secchi.
  • Stendere la pasta frolla, formando due dischi su un piano pulito (!) e infarinato, uno dal diametro leggermente più grande dell’altro.  Con quello più piccolo foderare lo stampo.
  • Bucherellare il fondo con una forchetta e cospargerlo con i biscotti secchi, coprire con la frutta disponendo prima le mele e poi i lamponi, dopo di che spolverizzarli con lo zucchero di canna.
  • Richiudere con l’altro disco di pasta e premere bene i bordi per sigillarli. Poi “tagliuzzare” la pasta a piacere con un coltello ben affilato, in modo che la torta possa respirare [e probabilmente per impedirle di esplodere]!^^
  • Infornare per circa 45 minuti. Lasciare raffreddare, sformare e se siete molto golosi servire con una pallina di gelato alla vaniglia!
[FONTE: La Grande Cucina del Corriere della Sera]

Ammetto che questo qui è un dolce “da sera”, un dessert perfetto per una cena con amici, non certo per la colazione! Ma in questa casa siamo un po’ ribelli e ci piace infrangere certe regole! E poi avevo delle tavolette di cioccolato non più buone da mangiare perchè risalivano a prima dell’estate e volevo impiegarle in qualche maniera! La ricetta è di Pierre Hermé una delle mie persone preferite su questo pianeta perchè per me i Macaron sono i suoi e io sono una macaron addicted e dopo questo dolce lo è ancora di più! Mentre la mangiavo pensavo che era un peccato lasciare che si raffreddasse e che avrei potuto mangiarla tutta in barba al quasi mezzo kg di cioccolato e burro dentro e morire contenta, questa per me sarebbe stata una morte epica… Insomma è meravigliosamente buono e devo ringraziare Sigrid che me l’ha fatta scoprire!^^

INGREDIENTI

  • 180 gr di cioccolato fondente al 70% [in originale 250 gr al 60%]
  • 200 gr di zucchero [in originale 220 gr]
  • 250 gr di burro [siccome non mi bastava ne ho aggiunto 50 gr di quello salato, tanto un pizzico di sale fa solo bene ai dolci]
  • 100 gr di lamponi
  • 70 gr di farina
  • 4 uova

RICETTA

  • Lavare i lamponi e metterli ad asciugare su un foglio di carta assorbente. Foderare uno stampo della grandezza di 22 cm con carta forno [un trucco è mettere delle mollette ai bordi così rimarrà teso quando verserete l’impasto] accendere il forno a 180°.
  • Fondere il cioccolato a pezzetti a bagnomaria, nel mentre sbattere le uova con lo zucchero fino a quando lo zucchero è sciolto e la crema ha cambiato colore.
  • Unire il burro a tocchetti al cioccolato fuso e togliere dal fuoco aspettando che si raffreddi un pò. Poi aggiungere lentamente al composto di farina ed uova.
  • Versare metà impasto nella tortiera, coprire con i lamponi e terminare con l’impasto rimanente.
  • Cuocere per 40 min circa [la ricetta originale consiglia 25 min a forno semiaperto, penso che il risultato sia come il gateu che va tanto di moda, con il cuore cremoso!].

 

Bon Apetit e buona domenica!

Questa ricetta l’ho espressamente chiesta su twitter, perchè come nella moda si va alla ricerca della camicia bianca perfetta, in cucina si dovrebbe andare alla ricerca della torta di mele perfetta!
La richiesta non è casuale, fuori si ostina ad essere estate, ma dentro si festeggia l’autunno e le mele del mio amico J.D., colte dall’albero da lui medesimo. La gentilissima, amante delle scarpe e dalla lunga chioma rossa (adoro) Momo, il Gomitolo  mi ha risposto dandomi la sua versione, grazie e ancora grazie! Mi piacerebbe poter dire che io l’ho seguita alla lettera, ma ho sostituito il latte col latticello trovato da NaturaSi e insieme al burro ho aggiunto un po’ di cioccolato bianco che mi avanzava e che sennò sarebbe finito nel mio pancino(ancora per poco “ino” se mi si continuano a regalare tavolette da mezzo kg di cioccolato)! Il risultato ancora non so dirvi qual’è perchè l’ho appena sfornata e verrà inaugurata durante la colazione di domani, ma vi assicuro che il profumo è dolce e autunnale come dovrebbero essere questi giorni (e invece non sono)!

INGREDIENTI

  • 3 mele a cubetti
  • 2 uova
  • 200 gr farina (metà 00, metà integrale)
  • 180 gr zucchero di canna
  • 50 gr burro
  • 50 gr di cioccolato bianco fuso
  • 250 gr di latticello
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 limone
  • 1 cucchiaino di cannella

RICETTA

  • Tagliare le mele a cubetti non troppo piccoli.
  • Impastare le uova e lo zucchero finchè questo non si è del tutto sciolto e il composto risulta liscio e cremoso.
  • Aggiungere le farine col lievito e le spezie e il latticello alternandoli, unire il burro e il cioccolato sciolto e mescolare bene.
  • Grattuggiarvi la scorza di un limone eon una paletta mescolare con i cubetti di mela.
  • Versare il composto su una teglia rettangolare precedentemente imburrata o ricoperta di carta forno.
  • Cospargere di zucchero in modo che una volta cotto il dolce abbia una crosticina dorata e croccante.
  • Cuocere in forno caldo a 180°, per 40 min. Lasciare riposare a forno spento per altri cinque. Una volta fuori raffreddare su una griglia.

 

 


[Ok, sono riuscita a resistere 5 minuti senza assaggiarla e questo la dice lunga sul profumo che faceva. Il livello raggiunto è: sbav!

Sapevo che non dovevo farmi convincere da Will a prendere queila confezione di Toblerone gigante al Foxtown, adesso mi nutrirei solo di quello, è come una sirena di Ulisse che mi chiama, lo sento anche se è ben chiuso nella dispensa! Questa premessa perchè avendo in mente quella delizioa, che mi fa sbavare solo a nominarla, non ho la testa, per concentrarmi su altre ricette (e infatti avevo scritto riveste, non sto messa bene)! Anche perchè come ogni anno mi viene la “sindrome estiva”, mangerei d’asporto ogni sera (oggi pizza) e tutto quello che c’è al momento in frigo e in dispensa va bene anche mangiato crudo. Per fortuna per voi in inverno cucino più di quanto io riesca a postare! La ricetta in questione è un dolce che va benissimo per la colazione, dal sapore speziato e in definitiva molto goloso! Mi spiace per l’aspetto pasticciato, togliendola dallo stampo l’ho proprio rotta, quindi attenzione: “fragile”!

INGREDIENTI

  • 200 gr di albicocche candite (o di marmellata di albicocche)
  • 175 gr di burro
  • 30 gr di noci pecan tritate
  • 165 gr di zucchero di canna
  • 90 gr di melassa (io l’ho trovata di carrubbe in un asian mart)
  • 185 gr di miscela di farina elievito
  • 3 cucchiaini di zenzero grattugiato
  • 1/2 cucchiaino di noce moscata grattuggiata
  • 1/2 cucchiano di “5 spezie” (trovata nell’asian mart di cui sopra è un mix di spezie profumatissimo e davvero potente!)

RICETTA

  • Preriscaldare il forno a 180°. Ricoprire una tortier, dal dm di 20 cm con carta forno unta di burro.
  • Disporre le albicocche sul fondo della teglia. Fondere il burro a fuoco lento (o al microonde), unirne un cucchiaio alle noci e a 55 gr di zucchero e amalgamare il tutto. Aggiungere il trito alle albicocche e mettere da parte.
  • In una casseruola capiente aggiungere al burro la melassa e 125 ml di acqua e mescolare a fuoco lento finché il composto è omogeneo. Versare la farina, le spezie e lo zucchero, a pioggia sul composto nella casseruola e mescolare bene. Distribuire il tutto sulle albicocche, livellando l’impasto.
  • Infornare per 35-40 minuti, prima di sfornare il dolce lasciare intiepidire un quarto d’ora.
  • Servire accompagnato da crema o gelato a piacere.

 

E’ arrivato il classico momento della stagione in cui il caldo è inversamente proporzionale alla mia voglia di mettermi ai fornelli. Entrerei in cucina solo per prendermi da bere o per rifornirmi di gelatini! Per fortuna questo inverno ho cucinato più di quanto abbia postato, quindi voi non soffrirete il caldo! 😉
Questa ricetta l’ho trovata il giorno in cui avevo voglia di torta, ma dopo esser andata al mercato a comprare i frutti di bosco mi sono accorta di essere senza burro! L’olio invece non manca mai perchè i miei raccolgono le olive ogni anno e poi le mandano al frantoio! Penso che “l’olio fatto in casa” abbia tutt’altro sapore e per me comprarlo al supermercato sarebbe un vero e proprio sacrilegio, ma comunque! Dicevo questa ricetta mi è capitata a fagiolo e ringrazio Alessandra e il suo BLOG per questa ricetta di Pierre Hermé, l’unico vero e solo, per me, creatore di macaron!

INGREDIENTI

  • 245 gr fi farina OO
  • 200 gr di zucchero più un cucchiaio
  • 4 uova a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino e 1/2 di lievito per dolci
  • 1 limone bio
  • 185 gr di olio extravergine d’oliva
  • 100 gr di fragoline di bosco
  • 100 gr di lamponi
  • 3 cucchiai di latte

RICETTA

  • Amalgamare lo zucchero e la scorza dell’intero limone per impregnarlo bene di aroma, lavorarlo con le uova fino a che il composto diventa chiaro e spumoso.
  • Aggiungere il latte, la farina setacciata con il lievito, continuando a mescolare aggiungete il succo del limone e l’olio a filo.
  • Versare metà del composto in una tortiera ricoperta di carta forno. Distribuirvi uniformemente i lamponi, ricoprire col resto dell’impasto.
  • Guarnire la superficie con le fragoline passate nello zucchero.
  • Cuocere in forno caldo a 180° per 35 minuti, avendo l’accortezza di verificare con uno stecchino che il centro della torta sia asciutto. Raffreddare su una gratella e servire.

 

 

 

A Milano ci sono stati quasi trenta gradi oggi, forse è un’anomalia, ma l’estate di certo non è lontana, Ci dovremmo preparare al meglio alla “prova bikini” o almeno è questo che ci ricordano metà delle pubblicità della fascia casalinga. Mangiare 30 gr di cereali, un bicchiere di latte e un frutto e che noia! Io preferisco continuare a preparare le mie torte, finché il caldo non mi dissuaderà dall’avvicinarmi al forno!
Dall’ultimo viaggio a New York ho sviluppato una passione per il crumble, un tipo di copertura per torte, cupcake o anche frutta cotta (che messa giù ricorda i dessert da ospizio, ma vi assicuro che annegata nel burro il risultato è ben diverso!). La ricetta in questione si è rivelata sorprendentemente buona e gustosa anche per un altro ingrediente: la birra, che conferisce un aroma davvero particolare all’impasto! Purtroppo e ancora non ne sono venuta a capo, il crumble è stato risucchiato dentro all’impasto, man mano che si lievitava nel forno. Internet non ha offerto spiegazioni o soluzioni a questo fenomeno. La prossima volta proverò a cospargerlo sulla torta verso la fine della cottura. Se qualcuno ha qualche dritta è caldamente invitato a condividerla! Ma nonostante questo inconveniente, vi assicuro che vale la pena di provarla!

INGREDIENTI

  • 500 gr di miscela farina e lievito
  • 500 ml di birra
  • 400 gr di zucchero (da lavorare col burro) + 150 (per il crumble)
  • 275 gr di burro tagliato a tocchetti
  • 3 uova
  • 125 gr di farina 00
  • 120 gr di uvetta
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di sale

RICETTA

  • Preriscaldare il forno a 180°C. Ungere una teglia dai bordi alti del dm di 25 [ma anche più grande se l’avete, perchè si alza tanto!]. Ammollare l’uvetta nella birra.

X la copertura:

  • Mescolare nel mixer la farina, la cannella una parte dello zucchero e il sale. Aggiungere il burro e frullare per amalgamare. Mettere da parte.

X la base:

  • Lavorare il burro e lo zucchero rimasti con le fruste fino ad ottenere una crema chiara. Incorporare le uova uno alla volta. Aggiungere la miscela di farina e lievito, la birra e da ultimo l’uvetta amalgamandola con una paletta o un cucchiaio.
  • Trasferire il composto nella teglia. Lavorare il crumble facendone palline e cospargerle sulla torta.
  • Infornare per 1 ora e 50 minuti, finché inserendo uno stecchino non ne uscirà asciutto.

 


Buona colazione e buon week end!

Mi sono resa conto, con abbondante sgomento devo dire, che qui manca il mio dolce preferito, quello che prendo ogni volta che posso e quando lo trovo, anche se so già che non sarà all’altezza. La Cheesecake! Ma com’è possibile che io non l’abbia postata mai? E’ la cosa che ho cucinato più in assoluto in questi anni, considerato il fatto che io non ripeto spesso la stessa ricetta! Bisogna porre rimedio, immediatamente! Sono sempre alla ricetta perfetta, ma questa qui, è abbastanza buona e l’impiego del lampone l’ho apprezzato, perchè è un frutto molto profumato ed è una copertura non troppo dolce, cosa che secondo me di solito rovina un po’ questa torta.

INGREDIENTI

  • pasta frolla già pronta [cioè, se volete farla in casa, liberissime. Io ho usato quella pronta!]
  • 400 gr di formaggio cremoso
  • 180 gr di yogurt greco
  • 5 uova [a temperatura ambiente]
  • 200 gr di zucchero
  • 2 limoni
  • 200 gr di marmellata [io compro quella dolcificata con il succo di mela, so che sembra un controsenso, ma non amo i dolci, troppo dolci!^^]
  • 5 vaschette di lamponi

RICETTA

  • Lavare e asciugare i limoni e grattugiarne la buccia In una terrina capiente. Unire le uova e lo zucchero e-  montare il tutto con le fruste fino a che il composto non sarà spumoso.
  • Aggiungere  gradualmente il formaggio e lo yogurt, continuando a lavorare il composto.
  • Srotolare la pasta frolla e sistemarla in uno stampo, da 30 cm ca. Bucherellare la pasta, ricoprire con carta forno e passare a forno caldo a 180° per circa 15 minuti [mettendola nella parte bassa possibilmente].
  • Spalmare la pasta frolla con la marmellata di lamponi, versarvi la crema e cuocere per circa 40 min.
  • Una volta cotta, toglierla dallo stampo [ho detto che è preferibile usare lo stampo con la cerniera? No? Ecco, meglio usare quello!] e mettere e raffreddare.
  • Intanto lavare e scolare i lamponi e mettere ad asciugare su un ripiano coperto da carta assorbente.
  • Sistemare la torta su un piatto da portata e disporre sopra i lamponi.

.

 

Una variante migliore è quella che utilizza come base un pacco di biscotti Grancereale ai frutti rossi, sbriciolati e compattati con 40 gr di burro fuso e passati un quarto d’ora in forno, invece della frolla. E questo è il risultato:

THAT'S ME

RICETTARIO

ARCHIVIO RICETTE

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 9 follower